martedì 29 novembre 2011

Cupcake cioccolato e fragole

Cielo grigio, giornate uggiose e nebbia: di certo il clima non aiuta in questo periodo. E io sinceramente non ho ancora capito a cosa serve il lunedí, ma di solito il martedí va meglio, inizi ad accettare che é iniziata la settimana e a fare il count-down per il venerdí. Questa settimana, per esempio, mi sono tenuta gli impegni piú belli per giovedí e venerdí, mentre ieri sera mi sono sfogata con questi cupcake per addolcire l'inizio della settimana (e recuperare tutto quello che avevo smaltito in palestra! :D ).
Sono dei cupcake leggeri, soffici, ed hanno un colore e una consistenza a dir poco irresistibili! Le fragole nell'impasto sono irresistibili ed il topping ha un colore cosí chiccoso (da leggersi "scíccoso"), che quasi dispiace mangiarli (ma una volta addentati, non dispiace più :) )!!

Con questa ricetta partecipo al contest di Arabafelice Marthellati!


CupCake al Cioccolato e Fragole
per 10 cupcakes
Ingredienti

90 gr farina
60 gr cacao
100 gr zucchero
1 cucchiaino lievito vanigliato
1 pizzico di sale

1 uovo
100 gr latte (per me zymil)
80 gr yoghurt
1 cucchiaio olio di semi
alcune gocce estratto di vaniglia

50 gr fragole essiccate

Per il topping: 4 cuccchiai di sciroppo di frutti di bosco, 10 cucchiai di zucchero


Mescolare in una ciotola farina, cacao, zucchero, lievito, bicarbonato e sale.
In una tazza mettere ad ammollare nel latte le fragole essiccate e lasciatele per cinque minuti, poi aggiungere il latte in un’altra ciotola mescolate uovo, yoghurt, olio, vaniglia e, una volta tagliate, le fragole. Unite l’impasto liquido alle farine e mescolate finchè gli ingredienti sono amalgamati.  riempite gli stampini da muffin fino ai 2/3 e cucinate in forno caldo, ventilato a 180º per 18 minuti circa.
Una volta tolti dal forno e raffreddati, preparate una glassa con zucchero e succo di frutti di bosco (io l'ho ottenuto scaldando un po' di frutti rossi che avevo surgelato quest'estate), seguendo le proporzioni indicate e spalmatela sui cupcakes.


  •  Se doveste usare un latte diverso dal latte zymil, che ha di suo un sapore dolciastro, aggiungete un cucchiaio di zucchero.
  • Se non trovate le fragole disidratate, potete aggiungere i frutti rossi o la frutta candita senza ammollarla.

venerdì 25 novembre 2011

Mousse di castagne con meringa - per le occasioni speciali!


Sono rimasta a investigare, studiare, cercare come fare una torta come dico io, per un'occasione di quelle specialissime per mooolti giorni, direi settimane.. Magari esiste già la ricetta pronta di un dolce del genere, in ogni caso non l'ho trovata. :)

L'idea di partenza era quella di preparare una meringata ai marrons glacés, una cosa semplice, di realizzazione non troppo complicata e di riuscita abbastanza semplice. Peccato che ci fosse un piccolo problema: la torta doveva rimanere almeno 4 ore fuori dal freezer( alla fine ci è rimasta per ben 6!!!), per cui, per quanto il freddo che ha iniziato a fare in questi giorni potesse aiutare, la meringata non poteva essere.
Sono passata ad una mousse alle castagne con uno strato di meringa sopra e sotto.
Mentre ponderavo su come fare la torta, i giorni pasavano e alla fine l'azione ha prevalso sulla necessità di avere una ricetta già pronta.
Ho preso ispirazione dalla mousse di questa torta e mi sono convinta dell'uso della meringa italiana grazie a questa spiegazione. Il risultato é quello che vedete qui sopra!

Lo so, la foto non rende molto, ma vi assicuro che era buonissima!!
Questa per me è una ricetta speciale, per festeggiare prima di tutto una persona speciale, e poi le buone notizie che mi ha dato Roberta mercoledì!


Mousse di castagne con meringa ( stampo da 20cm)
Ingredienti

260 gr purea di castagne
200 gr panna montata
70 gr albumi (2)
125 gr zucchero
25 gr acqua

Meringhe

Per la purea di castagne per  260 gr di purea circa

300 gr castagne
200 ml latte

Mettere a lessare in acqua 300 gr di castagne (senza togliere n'è incidere la buccia) per 15 minuti. Scolateli e sbucciateli, poi sminuzzateli e metteteli in un pentolino aggiungendo poco a poco il latte finche si sfalderanno e assumeranno una consistenza cremosa ( aggiungete altro latte durante la cottura se non è sufficiente). Per una purea più omogenea, passate con il frullatore a immersione il composto.


Per la meringa italiana

 Scaldare a bagnomaria 100 gr di zucchero e 25 gr di acqua, finchè lo zucchero non scioglie completamente e assume una consistenza viscosa, simile al miele ( attenzione a che non caramelli!). Nel frattempo montate gli albumi a neve con i 25 gr di zucchero rimanenti. Quando lo sciroppo di zucchero è pronto, aggiungetelo a filo agli albumi montati e continuate a montarli finchè il composto non sarà raffreddato.



Montate in un'altro recipiente la  la panna, senza aggiungere zuccheri.


Composizione del dolce

Sbriciolate sul fondo della tortiera delle meringhe fino a formare uno strato di circa un centimetro.

Aggiungete alla purea di castagne tre cucchiai di meringa italiana e mescolate dal basso verso l'alto finchè non sono ben amalgamate. Aggiungete ora altrettanta panna montata e mescolate. Aggiungete altri due cucchiai di meringa e due di panna, finche la mousse avrà il gusto che desiderate. A me sono avanzati due cucchiai di meringa e due di panna, (con cui ho fatto dei bicchierini a parte).

Versate la mousse nella tortiera e livellatela, poi spezzettate un altro strato da un cm di meringa e mettete in freezer per almeno 3 ore.  Prima di servire il dolce, cospargetelo di polvere o scaglie di cioccolato e guarnite con marron glacès. Non lasciate troppo tempo la mousse a temperatura ambiente, piuttosto mettetela in frigo se temete che sia troppo fredda al momento di servirla.



Note:
  • La prossima volta aumenteró la quantità di purea ( stavolta ne è venuta così poca perché non ho trovato altre castagne e perché comunque voleva essere una porzione per due), quindi useró tutta la panna e la meringa, così in proporzione la mousse sarà più alta. Indicativamente direi che le castagne per la purea dovranno essere almeno 400 gr, così il totale una volta preparata, sarà 350 gr.
  • Avrete notato che lo zucchero è contemplato solo per la meringa, ma vi assicuro che è già abbastanza dolce così.
  • È inutile che vi dica che se le meringhe le fate voi, saranno mille volte più buone che quelle comprate, sia come gusto che come consistenz. Vi consiglio di prepararle con qualche giorno di anticipo (anche una settimana! ), appena trovo dove ho messo il video, lo pubblico :)
  • Volendo rendere ancora più marcato il gusto della mousse, si potrebbero aggiungere anche dei pezzi di marron glacé anche nella mousse.

venerdì 18 novembre 2011

Venerdí

Il venerdí é un giorno che fa il suo corso a parte...
Quante volte arrivo a quest'ora e penso che domani dovró mettermi ancora a lavorare per finire tutti i lavori rimasti indietro, quindi levataccia, quindi sabato con sonno persistente.... e probabilmente domenica pure!!
Rimane peró il sollievo di dire che la settimana, almeno ufficialmente, é finita: comunque vada la giornata (che di solito é tendenzialmente 'male'), finirà: gli uffici si chiudono e quanto rimane da allora al lunedí mattina ha tutto il diritto -e il dovere di essere chiamato finesettimana !

Poi non lo rispettiamo mai, è vero, almeno per quanto mi riguarda...
E quando sono quasi le sei, sono lì con le dita incrociate, sperando che il principe azzurro arrivi prima possibile a salvarmi dalla montagna di cose da fare che ormai mi guarda con una mannaia in mano per dirmi che devo finirla, proprio come nei racconti per bambini la strega cattiva. Incombente.
Ma per i finesettimana ho anche i buoni propositi, primo fra tutti quello di non opporre resistenza a chiunque venga a sottrarmi ai miei compiti, seguito dalla voglia di fare le prove per i regali di Natale :)

E voi che fate questo finesettimana?

sabato 12 novembre 2011

Pan di spagna ai frutti di bosco

Eccomi dopo mesi a scrivere nel mio blog che é ancora quasi nuovo di zecca!
Tantissime cose sono successe da agosto, ma la più importante per questo piccolo spazio é la nascita della collaborazione con Roberta per il nostro lartedellozucchero!!

Avrei mille cose da scrivere, ma prima voglio tornare un po' in attivitá:
Ecco una torta semplice semplice ma di effetto che ho preparato in pochissimo tempo e che ha ottenuto un discreto successo. Di certo migliorabile, ma nella composizione.. Aspetto i vostri consigli!! :)

Tempo di preparazione:
2 h per il Pan di spagna, 30 minuti preparazione crema pasticcera, frutta e assemblaggio, tot. 2 h e 30'.

Ieri sera ho preparato un bel Pan di spagna anarchico ( ricetta dell'Arabafelice) con 4 uova e usando uno stampo da 22,5 cm. Una volta lasciato riposare tutta la notte, l'ho tagliato e ho ritagliato una finestra nel centro del disco superiore. I due dischi non sono esattamente identici, ma quello sotto é più alto e l'anello ha uno spessore minore.

Ho poi preparato una crema pasticcera ( per praticità ho usato quella pronta del Mulino Rossetto), usando 250 ml di latte e non 300 come indicato perchè rimanesse più densa.
Nel frattempo ho scongelato i frutti di bosco (se li avete freschi faranno di certo una figura fantastica) ed ho proceduto ad assemblare la torta: ho ricoperto il disco inferiore con uno strato sottile di crema pasticcera, vi ho appoggiato sopra l'anello del secondo strato e ho riempito il dislivello con dell'altra crema. Quando la crema quasi pareggiava l'anello superiore, ho cosparso il centro di frutta e poi il tutto con lo zucchero a velo- anche la frutta!


consigli:
- Se dovete servire il dolce molto dopo il suo assemblaggio, riponetelo in frigo e se possibile mettete i frutti di bosco più tardi possibile.
- se usate dei frutti di bosco surgelati, passateli in un pezzo di carta assorbente, in modo che perdano il liquido colorato quando sono sulla torta.

giovedì 4 agosto 2011

Vacanze e prove

Uno dei ricordi più forti che ho per quanto riguarda il rientro dalle vacanze, è il viaggio di ritorno, quando mia mamma iniziava a pianificare i mesi successivi. Studiava il calendario per vedere che ponti ci sarebbero stati e iniziava a pensare ai regali di Natale.
La settimana scorsa, al ritorno dalle vacanze, il freddo mi ha riportato alla mente questo ricordo, insieme alla voglia di provare a fare la frolla montata, una ricetta che tenevo pronta da quando ho scoperto che esiste questa variante della pasta frolla.
Dopo una sera d'estate a sistemare casa, mi sono messa a prepararli, ho sfondato tre sac-à-poche, litigato con il frigo per farci entrare la placca da forno e infine ho sfornato questi fantastici biscotti! Sono andati a ruba, è garantito che anche chi non mangia abitualmente biscotti non può fare a meno di fare il bis!
Ecco quindi la prova numero 1 per i biscotti da regalare a Natale.

FROLLA MONTATA ALLA VANIGLIA E LIMONE



Ingredienti
160 gr burro
80 gr zucchero a velo
260 gr farina
2 tuorli piccoli e un albume
scorza di un limone, aroma di vaniglia



Tagliare a cubetti il burro, il più piccoli possibile. Montare burro, scorza di limone, aroma e zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere i tuorli uno alla volta, poi l'albume e continuare a montare fino a che il composto é ben amalgamato e cremoso.
A questo punto aggiungere la farina poco a poco, mescolando con un cucchiaio. Raggiungerà una consistenza morbida, ma non fluida, che potrete inserire facilmente in una sac-à-poche con una bocchetta larga un cm. Io ho fatto delle righe orizzontali lunghe una decina di cm, ma voi potete dar loro le forme che preferite. A me sono cresciute con la cottura, ma la forma che é risultata mi è piaciuta di più.
Accendete il forno ventilato a 170º e mettete i biscotti nel frigo. Dopo mezz'ora toglieteli dal frigo e metteteli in forno per 12-15 minuti, cioé finché diventano appena dorati. Toglieteli dal forno e non toccateli, perché sono ancora fragili quando sono caldi. Una volta raffreddati, metteteli in una scatola di latta dove si conserveranno per diversi giorni.

giovedì 14 luglio 2011

Fish&chips

Se c'é una cosa che pensavo non mi sarebbe mai piaciuta fare, é il fritto: goccioline di olio che schizzano, vestiti impregnati di odore, caldo torrido... Tutto sommato peró non mi é dispiaciuto mettermi all'opera con questo piatto, tipico british street food, perché ha dato le sue soddisfazioni- eccome se le ha date!- e devo ammettere che la mia paura da 'aspetti negativi del friggere' é stata un po' esagerata.
Forse uno dei trucchi è stato prepararlo in anticipo, la mattina presto, cosí il caldo non si é fatto troppo sentire, le finestre aperte hanno permesso che gli odori uscissero in fretta e poi ho potuto farmi una doccia prima di iniziare la giornata come si deve.
Semplice, facile, veloce (ma occhio agli schizzi comunque!). Mentre si scalda nel forno subito prima di servirlo, preparate con dei fogli di carta dei coni e rivestiteli di carta assorbente (non sono riuscita a fare la foto perché erano giá fuori dalla mia portata prima che potessi imbracciare la fotocamera e 'shootare'.

FISH AND CHIPS

Ingredienti ( x 2 persone)
2 filetti di merluzzo fresco o decongelato
6 patate piccole o 3 grandi
olio per friggere
Per la pastella
90 gr di farina
1 uovo
200 ml birra
un pizzico di sale


Sbucciare le patate e tagliarle a strisce grandi (da una patata piccola ricavare 6 o 8 pezzi massimo). salare e cucinare in una padella antiaderente con olio caldo. 

Nel frattempo tagliare il merluzzo a pezzetti di 3-5 cm di lato, cercando di mantenere una superficie uniforme fra i vari pezzi. Preparare la pastella mescolando l'uovo, la farina e il sale e aggiungere la birra fino ad ottenere la densità desiderata. Girare due volte i filetti nella pastella.

Togliere le patatine dalla padella quando inizieranno a colorirsi e metterle in una pirofila da forno, quindi cuocere in forno per 10-20 minuti circa a 180º (se state cucinando per servire subito, la cottura dev'essere perfetta, altrimenti toglietele un po' prima, in modo che si possano scaldare senza bruciare).

Friggere il merluzzo pastellato, poi metterlo nella pirofila con le patate e lasciare il forno. Dieci minuti prima di servire, accendete il forno di nuovo a 180º e servite in tavola appena le patate avranno raggiunto la cottura ottimale- eventualmente coprire con della carta di alluminio.





mercoledì 13 luglio 2011

Quanto sei buono micy?

A casa mia i gatti non sono belli, dormiglioni, coccoloni, no. I gatti sono buoni. Buoni in questo caso ha valore di superlativo assoluto: the best cats ever!
Cosí non ho saputo resistere ieri, quando ho visto questo stampino a forma di gatto, mentre ero in giro a fare un po' di shopping. La ricetta, c'é poco da fare, è proprio dedicata alla persona speciale che era con me ieri e che mi ha letteralmente illuminato la giornata. Sono dei biscotti integrali (se li volete fare in questa stagione, non accendete il forno prima delle 11 di sera), inventati sul momento, che sono riusciti benissimo: non troppo dolci ma gustosi, tanto che faticheranno ad entrare nella scatola di latta, in cui potrete conservarli per circa una settimana, sempre che ci arrivino! :) Dopo le ciliegie, anche un gatto tira l'altro!


BISCOTTI INTEGRALI AL MIELE



Ingredienti
30 ml (2 cucchiai circa) di miele (per me di castagno)
2 cucchiai zucchero
2 cucchiai olio extravergine di oliva
2-3 cucchiai latte (per me zymil)
1 uovo
1/2 bustina di lievito per dolci
200 gr di farina

Emulsionare miele, zucchero, olio e latte. Aggiungere l'uovo, poi, poco alla volta la farina insieme al lievito. Lavorare fino ad ottenere un impasto omogeneo, all'occorrenza aggiungere farina o latte, se l'impasto è troppo morbido o duro.
Stendere l'impasto sul piano di lavoro leggermente spolverato di farina (spessore dei biscotti 5 mm circa) e ritagliare le formine con il tagliabiscotti. Disporre su una teglia da forno e cuocere in forno 12-15 minuti a 180º ventilato, finchè non iniziano a scurire (le formine che ho usato erano piccole, a seconda di quale usate, i vostri biscotti potrebbero richiedere dei tempi di cottura più lunghi).

lunedì 11 luglio 2011

La torta della domenica

L'ho aspettata per mesi, mentre me la prendevo con i vestiti pesanti e la nebbia, e adesso che l'estate é arrivata, di certo non si tira indietro. Di giorno tanto caldo che non puoi nemmeno uscire di casa senza rischiare la liquefazione laser e di sera luci spente per evitare che le zanzare ti scambino per  un succulento filetto al sangue.
Lamentele a parte, ci sono mille occasioni per uscire e tanta voglia di incontrare gente nuova, magari all'aperitivo, che la domenica pomeriggio non manca mai! Fra una chiacchiera e l'altra, stasera ho deciso di darmi una mossa e aggiungere qualcosa al blog, per andare in pari con alcune ricette non ancora pubblicate.
Ho preparato questa torta venerdí sera, prima di iniziare il weekend, (ispirata da qui) per poi concluderla stamattina con il coulis di pesche e le more appena raccolte: potete quindi prepararla con largo anticipo, dimenticarla in frigo e guarnire all'ultimo minuto. Non dovrete accendere nessun forno e vanta l'assenza di uova fra gli ingredienti (anche se é talmente buona che nessuno si creerà problemi a chiedere il bis comunque). Che dire? Leggera, pratica, golosa e perfetta per il pranzo della domenica, anche da portare via se si è ospiti.

CHEESECAKE CON LATTE CONDENSATO

Ingredienti (stampo da 26 cm)
Per la base:
150 gr di fette biscottate integrali
60 gr burro
1 cucchiaio di zucchero

Per la crema:
250 gr ricotta
300 gr  philadelphia (per me light)
375 gr latte condensato zuccherato (un barattolino)
6 gr gelatina in fogli
succo di mezzo limone

Per il coulis:
5 pesche, 1 cucchiaio zucchero, more

Frullare nel mixer le fette biscottate e lo zucchero, dopo pochi secondi aggiungere il burro fuso e riprendere a frullare finché gli ingredienti iniziano a scurirsi. Amalgamare con un cucchiaio se necessario, in modo da avere una polvere uniforme. Stendere sulla base dello stampo aiutandosi con un cucchiaio e premendo con il dorso, per avere una superficie liscia. Mettere in frigo per mezz'ora.

Ammollare nell'acqua fredda i fogli di gelatina.
Mettere in una ciotola il philadelphia e sbatterlo con le fruste per un minuto. Aggiungere la ricotta già ammorbidita con la forchetta e continuare a sbattere per un altro minuto. Quindi versare a filo il latte condensato, senza smettere di mescolare il composto.
Due minuti prima che la base della torta vada tolta dal frigo sciogliere a bagnomaria la gelatina con il succo di limone, senza che si scaldi, quindi aggiungerlo alla crema di formaggi e latte. Versare immediatamente il composto sulla base, livellando la superficie con un cucchiaio. Mettere in frigo fino al momento di servire.
Allora, togliere l'anello con delicatezza, passando un coltello sui bordi delicatamente. Se il bordo della crema non fosse perfetto, lisciatelo con un coltello o una spatola inumidito con acqua.

Per il coulis, frullare le pesche giá lavate e tagliate, fino a raggiungere una consistenza liquida e liscia. Con l'aiuto di un cucchiaio, stenderla sulla superficie della torta e adagiarvi sopra le more.


Note:

Ho usato uno stampo a cerniera di diametro 26 cm, ma forse in un 22 cm la crema si sarebbe distribuita meglio.


Se non siete convinti della base fatta con le fette biscottate e lo zucchero, potete sempre usare dei biscotti tipo digestive o oro saiwa.

Ovviamente la quantità e il tipo dei formaggi va a seconda dei gusti personali (la mia scelta é stata dettata anche da quello che avevo in frigo).

Visto che la bella stagione offre una quantità di frutta infinita, sbizzarritevi!

venerdì 1 luglio 2011

Pronti per l'estate- parte 2

Tempo di stress e voglia d'estate: indispensabile ricorrere al miglior antidepressivo del mondo!! Il cioccolato!!!

Questa salsa al cioccolato si prepara in un attimo ed é deliziosa, sia da sola che per accompagnare macedonie e gelati. Presto proveró anche a rinchiuderla in un cioccolatino.
Si conserva tranquillamente in frigo, se riuscite a non finirla prima ancora che si sia raffreddata!! :)

Ho ridotto le dosi e apportato qualche modifica alla ricetta originale, fatemi sapere che ne pensate


SALSA AL CIOCCOLATO MILLEUSI- di Arabafelice


120g di zucchero
70 ml circa di acqua
due cucchiaini di latte
1 fialetta di estratto di vaniglia
35 gr di cacao amaro in polvere







In un pentolino mescolare zucchero, cacao e aroma di vaniglia. Aggiungere poi l'acqua poco alla volta, mescolando per sciogliere i grumi, e latte fino a raggiungere la consistenza che più vi piace- la mia salsa é rimasta un po' liquida.
Mettete sul fuoco a fiamma medio-bassa, abbassando l'intensitá quando inizia a sobbollire e mescolando continuamente perché non si attacchi al fondo. Dopo una decina di minuti (un quarto d'ora per chi volesse  ottenere una consistenza più compatta) togliere dal fuoco e versare in un barattolino di vetro. Riporre in frigo a raffreddare e sbizzarrirsi negli usi più disparati! 
Per farla diventare più liquida, una volta raffreddata, sarà sufficiente passarla a microonde qualche secondo..












Con questa ricetta partecipo al contest di ArabaFelice in cucina per il cannello da pasticceria


Pronti per l'estate- parte 1

Anche se non é ancora arrivato il caldo quello da Estate con la e maiuscola, alzi la mano chi non sta sospirando perché ha voglia di andare in spiaggia (chi c'é giá, non vale!!)

Ieri ho preparato il must dell'estate a casa mia, una pasta fredda rapidissima e perfetta da portare in spiaggia!!

Summer pasta

Ingredienti 
per circa 4 persone

250-300 gr di pipette rigate
1 mozzarella
2 o 3 pomodori maturi (per me nostrani)
2 cucchiai di capperi
2 spicchi d'aglio
sale e olio per condire


Ora.. spiegare come si prepara questa pasta, é un po' un'assurdità. Se qualcuno dovesse avere dei dubbi, ecco come si fa:

Mettere a cuocere la pasta nell'acqua bollente, con un pugno di sale.
Tagliare a cubetti piccoli i pomodori, la mozzarella e sminuzzare i capperi (di solito ne lascio sempre qualcuno di intero). Aggiungere sale e olio e poi le due teste d'aglio. Ora la pasta dovrebbe essere cotta: scolarla e passarla sotto il getto dell'acqua fredda. 
Lasciare in frigorifero fino al momento di servire.

mercoledì 22 giugno 2011

Un angolo di cielo puó essere rotondo?

 Lo so, terza ricetta dolce su tre.. Non preparo mica solo dolci, ma é vero che ultimamente sono fra le preparazioni che mi danno più soddisfazione e quindi li preferisco.
Ecco un esperimento molto ben riuscito per preparare i famosi biscotti al cioccolato con le stelline. Non ci sono sopra 11 stelline, ma sará difficile che riusciate a trattenervi dal mangiarne altrettante!! Sono buonissimi e veloci, sia nella preparazione che nella sparizione! :)


Stelle di stelle
Ingredienti
250 gr farina
1/2 bustina di lievito
1 cucchiaino di miele (abbondante)
15 gr di cioccolato fondente (fuso)
15 gr cacao amaro
150 gr zucchero a velo
80 gr di burro
1 uovo
10 gr di nocciole tostate e spelate
20 gr latte

Frullare le mandorle con 2 cucchiai di zucchero nel mixer, finché non si amalgamano bene. In un altro recipiente ammorbidire il burro con lo zucchero con una forchetta e mescolare fino ad ottenere una crema chiara. Unire i due composti ed aggiungere il tuorlo dell'uovo. Unire tutti gli altri ingredienti, lasciando per ultimi farina e lievito e tenendo da parte l'albume e 20 gr di zucchero.
Quando l'impasto sará pronto, stenderlo dello spessore di 3 mm su un piano infarinato e ritagliare i biscotti con un bicchiere (se si desidera la forma tonda) o con le formine che preferite.
Accendere il forno a 180º, ventilato.

Per la glassa: montare a neve l'albume e aggiungere lo zucchero a velo. Spalmare con il dorso di un cucchiaino la glassa sui biscotti, poi spolverizzare con dello zucchero semolato.
Infornare a 180º per 10-12 minuti.

lunedì 20 giugno 2011

Biscotti alla maionese ( Arabafelice contest)

Neanch'io ci potevo credere! Ho provato a preparare questi biscotti per il puro gusto della sfida: non vado matta per i biscotti e non mangio maionese da tempo immemore, ma quando ho visto questa ricetta, mi ha conquistata. Non ho avuto il coraggio di assaggiarli, finché non li ho presi in mano: lo zucchero in superficie forma un guscio di granella leggermente croccante, per far finire il morso in un boccone dolce e tenero, a dir poco squisito e per niente stucchevole!!

 




Ingredienti

100 gr di burro freddo
90 gr di maionese (per me maionese leggera)
40 gr di zucchero
290 gr di farina
zucchero per la copertura




Tagliare il burro freddo a piccoli pezzi e montare con le fruste insieme allo zucchero finché non diventa chiaro e cremoso (ci vorranno circa 5 minuti).
Unire la maionese e mescolare con un cucchiaio. Poco alla volta aggiungere la farina finché l'impasto non diventa abbastanza solido da essere lavorato con le mani. La consistenza dev'essere elastica, morbida ma non deve rimanervi attaccata alle mani. Fatene una palla e riponetela in frigo a riposare per una mezz'ora, avvolta nella pellicola trasparente.

Accendere il forno a 190º.
Riprendere la pasta e dividerla in cilindretti: potete dare ai biscotti le forme che preferite, io ho scelto la forma a taralluccio, assottigliando il cilindro e rigirandolo su se stesso oppure quella classica rotonda, facendo una pallina e appiattendola a disco, su cui ho inciso una griglia con i rebbi di una forchetta. Vi consiglio di eseguire questa operazione abbastanza in fretta, perché l'impasto é molto elastico e non tiene perfettamente la forma che gli date. Una volta data la forma, rigirate i biscotti nello zucchero e disponeteli su una teglia rivestita di carta forno.
Cuocere per 12-13 minuti in forno ventilato a 190º. Non aspettate che diventino dorati in superficie, altrimenti verranno troppo duri. Una volta tirati fuori dal forno, fate scivolare il foglio di carta forno su un ripiano, cosí i biscotti raffredderanno meglio (e più in fretta, cosí li potrete assaggiare prima!! :) )


Ps: si conservano anche una decina di giorni in una scatola di latta, sempre che riusciate a chiudere il coperchio prima che vadano finiti appena sfornati :)











Con questa ricetta partecipo
 al contest di ArabaFelice
 per il termometro

domenica 19 giugno 2011

Muffin croccanti al cioccolato e fragole

Mi piace svegliarmi la domenica mattina e dedicare un po' di tempo a fare qualcosa che mi renda più piaceovole l'idea di iniziare la settimana.
L'idea é partita da qui, poi sono piaciuti cosí tanto a casa, che non ho resistito a farne ancora e a darci un tocco mio. Il riso soffiato aggiunge consistenza croccante che si contrappone alla morbidezza della frutta e si accompagna perfettamente con la sofficitá del muffin. È impossibile resistere!! Provare per credere ;)



Muffin croccanti al cioccolato e fragole

Ingredienti
210 gr di farina
40 gr cacao amaro (per me 30 gr + 10 gr nesquik )
1/2 bustina di lievito
90 gr di zucchero semolato
un pizzico di sale

1 uovo
60 gr di burro
1 yoghurt (125 gr) + 100 gr di latte

6 fragole
una manciata di riso soffiato al cioccolato


Sciogliere il burro e lasciarlo intiepidire. 
Mescolare farina, cacao, zucchero e lievito. In un altro recipiente mescolare yoghurt e latte, poi aggiungere l'uovo intero e il burro. Unire il composto liquido alle farine e amalgamare il tutto.
Accendere il forno a 220º.
Distribuire il composto in 6 pirottini ( non avendone in casa, ho usato 6 stampini per crostatine imburrati e infarinati), dovranno essere pieni fino a poco piú di metá. Aggiungere su ogni muffin una fragola a pezzettini e il riso soffiato.
Cuocere 5 minuti in forno ventilato a 220º, poi aprire un po' il forno e abbassare la temperatura a 190º per altri 13-15 minuti. (Verificate la cottura con la prova dello stecchino, che non tradisce mai)

venerdì 17 giugno 2011

Paura vera

Quando una donna cucina, puó essere un cattivo segno, come anche uno buono.
Ma quando una donna inizia a pulire quando non ce n'é bisogno, allora iniziano i guai... O forse sono già iniziati!!

giovedì 16 giugno 2011

Nuovo inizio

Il primo post é il biglietto da visita. C'è scritto chi sei, dove vivi e cosa fai.
Ma non vi toglierò il divertimento di scoprirlo da soli.



Buonanotte.